Certaldo tra le fotografie del Premio Letterario il Borgo Italiano

15 Jun 2017

Certaldo partecipa al Premio Letterario il Borgo Italiano attraverso la sezione Fotografia.

 

È un comune italiano di 16.167 abitanti della Città Metropolitana di Firenze, in Toscana. Il nome di Certaldo sembrerebbe derivare dal latino Cerretus Altus in riferimento agli alberi di cerro, tipici della zona. Situato al centro della Valdelsa, il territorio comunale è bagnato dal fiume Elsa, affluente dell'Arno, e dal torrente Agliena. L'abitato di Certaldo si estende ai lati della strada regionale 429 ed è formato da due nuclei ben distinti: la parte medievale, Certaldo Alto, che sorge su un colle, e la parte bassa. Certaldo Alto è raggiungibile anche con una funicolare su rotaia dotata di cremagliera, con partenza da piazza Boccaccio.

 

Certaldo ebbe origini etrusco-romane, come dimostrano i numerosi reperti archeologici sparsi in tutto il territorio comunale: ceramiche, utensili e tombe etrusche, alcune delle quali di recente scoperta. Il borgo però fa la sua comparsa ufficiale nella storia nel 1164, quando il Castello di Certaldum viene citato in un documento dell'imperatore Federico Barbarossa come feudo dato in concessione ai Conti Alberti. La torre fortificata si trovava all'apice di un colle da cui si poteva controllare la via Francigena, la principale strada di comunicazione tra l'Europa del Nord e Roma. Il castello di Pogni, conosciuto anche come Pogna, rappresentava uno dei più potenti avamposti della famiglia feudale degli Alberti, i signori medioevali della Valdelsa. Le prime notizie storiche del castello di Pogni risalgono al 1059 e sappiamo che nel 1184 fu espugnato per la prima volta dai fiorentini. Durante la battaglia venne fatto prigioniero lo stesso conte Alberto degli Alberti che in cambio della propria libertà giurò di demolire tutte le fortificazioni del castello e le torri della vicina Certaldo.

 

La parte più interessante del comune è sicuramente Certaldo Alto. La caratteristica artistica e architettonica principale, che l'ha resa nota e famosa in Europa, è la perfetta conservazione del tessuto urbanistico medioevale con le sue vie strette e le piccole piazze sparse qua e là. Se si escludono i lavori di ristrutturazione che hanno avuto come oggetto Palazzo Pretorio nel XV secolo, lavori che trasformarono il vecchio mastio nel palazzo vicariale, possiamo affermare che Certaldo Alto è rimasta identica a come si è sviluppata nel medioevo. Sono numerosissime le chiese degne di menzione e i palazzi di notevole pregio, tra questi ricordiamo: Palazzo Stiozzi Ridolfi e Palazzo Pretorio  che nasce come castello degli Alberti nel XII secolo. Casa Boccaccio invece era la residenza del noto scrittore e si affaccia sulla via principale del borgo, via Boccaccio. È la sede di un'importante biblioteca che contiene documenti del Cinquecento, Seicento e Settecento e del Centro Studi Boccaccio. Palazzo Machiavelli è citato nei testamenti di Giovanni Boccaccio del 1347, del fratello Jacopo del 1384 e del figlio di Jacopo, Giovanni, nel 1427, come edificio appartenente a Guido Johannes de Machiavellis e risale al XIII secolo, rappresentando, forse, l'esempio meglio conservato di abitazione signorile medioevale.

 

Tra gli eventi da segnalare non si può prescindere da Mercantia, che, conosciuta in tutta Europa, è una festività paesana che si tiene in luglio nel vecchio borgo, in un'atmosfera medioevale e con spettacoli e bancarelle di artigiani sparsi per vicoli e piazzette. Certaldo è una cittadina a vocazione agricola, industriale e commerciale, che si colloca a cavallo dei distretti industriali dell'Alta Val d'Elsa e dell'Empolese-Bassa Val d'Elsa. Il settore primario si basa sui prodotti tipici della zona, vino e olio su tutti, anche se recentemente si è aggiunta la cipolla di Certaldo, che ha ottenuto una specifica Dop.

Sito web del Comune: www.comune.certaldo.fi.it/

 

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Certaldo

Immagine: https://it.wikipedia.org/wiki/Certaldo

Condividi
Condividi
Please reload

Post in evidenza

Le puntate in onda su Rai Radio per i vincitori del Premio Letterario il Borgo Italiano 2019

1 Jul 2019

1/5
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

EDIZIONE 2020

Se vuoi candidare il tuo Borgo per ospitare l'edizione 2020 o future edizioni del Premio Letterario Il Borgo Italiano, contatta la nostra segreteria.

La scadenza per le candidature è il 30 settembre 2019.

INFORMAZIONI

Premio il Borgo di David Spezia
p.iva 10631700969

Indirizzo per la spedizione del materiale:

info@premioilborgoitaliano.it

SOCIAL
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
PARTNER

Con il patrocinio

del Comune di Irsina

Tralerighe Libri Editore

"Premio Letterario Il Borgo Italiano" è un marchio registrato.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni