Roccalumera tra le fotografie del Premio Letterario il Borgo Italiano

15 Jun 2017

Roccalumera partecipa al Premio Letterario il Borgo Italiano attraverso la sezione Fotografia.

 

È un comune italiano di 4.252 abitanti della Città Metropolitana di Messina, in Sicilia e aderisce all'Unione dei comuni delle Valli joniche dei Peloritani. Per tutta la durata del medioevo e fino al XVII secolo, il territorio di Roccalumera era diviso tra le due baronie di Savoca e di FiumedinisiNel 1606, le miniere di Ferdinando Gonzaga vennero acquistate dai La Rocca, che ottennero il permesso di popolare quelle terre. Nel 1613, Giovanni La Rocca sposò Isabella Lanza Abbate, vedova del barone di Fiumedinisi, Antonino Romano Colonna Statella, e portò in dote il bosco di San Michele. Giovanni La Rocca, allora, riunì sotto la sua giurisdizione il territorio del bosco con quello delle miniere, formando il primo nucleo di Roccalumera. Il toponimo del borgo deriva da Roccae Alumeriae cioè rocca dell'allume. Rocca dal nome del proprietario e allume in onore delle importanti miniere. Il centro storico dell'odierno abitato è dunque la borgata di Allume, che tuttavia esisteva già prima del Seicento, essendo presente una chiesa in stile bizantino dedicata a San Michele Arcangelo e probabilmente risalente al 1100 o 1200.

 

Di Roccalumera è figlio Salvatore Quasimodo, premio Nobel per la Letteratura del 1959. Qui il poeta nacque e qui è sepolta tutta la famiglia Quasimodo, compresa la nonna, Rosa Papandrea, originaria di Patrasso, che è personaggio chiave per comprendere la vena del nipote, grande traduttore di classici. Sulla via Umberto I sorge la casa familiare, edificata dal nonno Vincenzo Quasimodo, che fu sindaco di Roccalumera all'inizio del Novecento. Salvatore visse infanzia e giovinezza facendo i bagni nel limpido mar Jonio e giocando all'ombra della monumentale Torre Saracena, ricordata nella poesia Vicino una Torre Saracena, e oggi sede del Parco Letterario Salvatore Quasimodo. La sorella del Poeta, Rosina Quasimodo, anch'essa letterata e sposa di Elio Vittorini, è sepolta come lui nel cimitero di Roccalumera. Al suo paese, dove Quasimodo ha tradotto testi e scritto versi, sono ispirate alcune tra le liriche più belle del canto poetico moderno: Vicolo, Vicino a una Torre Saracena, Lettera alla madre e Al Padre e Fresca Marina. In memoria del suo figlio più illustre, Roccalumera ha allestito un museo presso l'antica stazione ferroviaria.

 

Tra le tante architetture degne di nota di Roccalumera ci piace menzionare la Chiesa Arcipretale e Matrice di Roccalumera di Santa Maria del Rosario, risalente al XVII secolo e pregevole esempio di Barocco Siciliano; la già citata Chiesa di San Michele Arcangelo, in stile bizantino, edificata verso il secolo XII; il Santuario di Sant'Antonio da Padova (secolo XIX), gestito dalle suore Cappuccine del Sacro Cuore e luogo di riferimento per tutti i fedeli del comprensorio, perché sede, ogni anno, dei solenni festeggiamenti in onore di sant'Antonio di Padova, con la celebrazione di numerose messe e la solenne processione della statua del santo. Simbolo di Roccalumera, anche a detta del suo grande poeta, è la Torre Sollima o Ficara (secolo XII), un'antica torre di avvistamento e guardia risalente - pare - agli inizi del Quattrocento, anche se non mancano gli storici che collocano la sua costruzione al secolo XII. È chiamata Sollima dal nome della nobile famiglia messinese proprietaria della costruzione nel XVI secolo ed è conosciuta anche come Ficara o Ficarra, toponimo che potrebbe avere origine dall'arabo Fakhar che significa potente, importante.

Sito web del Comune: www.comune.roccalumera.me.it/

 

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Roccalumera

Immagine: https://it.wikipedia.org/wiki/Roccalumera

Condividi
Condividi
Please reload

Post in evidenza

Le puntate in onda su Rai Radio per i vincitori del Premio Letterario il Borgo Italiano 2019

1 Jul 2019

1/5
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

EDIZIONE 2020

Se vuoi candidare il tuo Borgo per ospitare l'edizione 2020 o future edizioni del Premio Letterario Il Borgo Italiano, contatta la nostra segreteria.

La scadenza per le candidature è il 30 settembre 2019.

INFORMAZIONI

Premio il Borgo di David Spezia
p.iva 10631700969

Indirizzo per la spedizione del materiale:

info@premioilborgoitaliano.it

SOCIAL
  • Facebook Social Icon
  • YouTube Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
PARTNER

Con il patrocinio

del Comune di Irsina

Tralerighe Libri Editore

"Premio Letterario Il Borgo Italiano" è un marchio registrato.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni